Benvenuti su Galacticshare.Questo è un messaggio automatico, dopo la vostra registrazione,vi invitiamo gentilmente a presentarvi nell'apposita sezione..PRESENTAZIONI ..all'interno del Forum,per poter accedere a tutte le sezioni.

Lo Staff di Galacticshare





 
IndiceRegistratiAccedi

Condividere | 
 

 INTERNET ADDIO? P2P ADDIO? WEB ADDIO?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
gagli
Admin
Admin
avatar

Numero di messaggi : 1901
Data d'iscrizione : 16.03.08
Località : Gotham City

MessaggioTitolo: INTERNET ADDIO? P2P ADDIO? WEB ADDIO?   Mer Mar 04, 2009 12:04 am

Le libertà in Internet sono in grave pericolo.
Qualora dovesse essere approvato un insieme di direttive,
in discussione al Parlamento Europeo, Internet cambierà così:


- non potrai più collegarti a Internet solo per aver condiviso un file;
- sarà possibile conoscere il contenuto del tuo traffico Internet;
- non potrai usare liberamente FTP, Skype, chat, p2p;
- sarà il tuo provider a scegliere quali siti web potrai visitare e quali no.


Caro cittadino della Rete,

il Consiglio dei Ministri dell'Unione Europea ha raggiunto un accordo politico su norme e direttive fortemente lesive dei diritti dei cittadini europei e dei consumatori. Tale regolamentazione è inclusa nel Pacchetto Telecom, un complesso sistema di cinque Direttive che influenzerà profondamente le leggi degli Stati Membri dell'Unione Europea, Italia inclusa, per molti anni a venire. L'accordo politico del Consiglio stravolge il contenuto del Pacchetto, che con voto democratico, e con l'appoggio della Commissione Europea, il Parlamento Europeo aveva approvato a larghissima maggioranza nel settembre 2008 con emendamenti che garantivano e tutelavano i diritti fondamentali dei cittadini e dei consumatori.

Il 19 febbraio il Parlamento Europeo darà inizio alla Seconda Lettura del Pacchetto Telecom, e se non avrà la forza di opporsi alla volontà del Consiglio dei Ministri, entro pochissimo tempo le leggi dei Paesi Membri dovranno obbligatoriamente adeguarsi con le seguenti conseguenze:

- sarà possibile disconnetterti dalla Rete sulla base di semplici indizi, raccolti da società private senza autorizzazione della magistratura, che facciano sospettare che tu abbia condiviso contenuti protetti da copyright. Il tuo fornitore di accesso Internet sarà obbligato a collaborare con le società private per fornire i tuoi dati, e sarà costretto a procedere alla sospensione del servizio. Non avrai diritto né alla difesa né ad un equo processo;

- il tuo fornitore di accesso sarà libero di filtrare contenuti, servizi e applicazioni a piacimento. Per fare solo un esempio fra i tanti possibili, diventerà lecito e legale bloccare Skype al fine di promuovere e costringerti ad acquistare un servizio VoIP a pagamento;

- il tuo fornitore potrà applicare "differenziazioni di tariffe", e farti pagare abbonamenti aggiuntivi per applicazioni e protocolli specifici, ad esempio per e-mail, FTP, newsgroups, chat, peer-to-peer ecc.; potrà inoltre liberamente decidere a quali siti web potrai accedere senza limitazioni, a quali potrai accedere con de-prioritizzazione del traffico (quindi con rallentamento nello scambio dati), e a quali non potrai accedere affatto;

- qualsiasi società privata, per generici scopi di sicurezza di rete, potrà intercettare, memorizzare a tempo indefinito, leggere e analizzare, tutti i dati che invii e che ricevi sulla Rete senza autorizzazione di alcun organismo governativo, inclusa la magistratura.

UPDATE 19 FEBBRAIO 2009

PRIMA VITTORIA DELLA COALIZIONE EUROPEA: RAPPORTO MEDINA ORTEGA CANCELLATO

RAPPORTO MEDINA ORTEGA ABBANDONATO

Premetto che il Rapporto Medina Ortega raccomanda al Parlamento Europeo l'adozione esplicita della risposta graduata (3-strikes-and-you're-out) l'adozione di misure che portino a considerare illegale l'esistenza di siti con link, indici ecc. a file .torrent (viene citato esplicitamente The Pirate Bay), attribuiscano responsabilità agli ISP per il traffico veicolato e impongano il filtraggio dei contenuti e di alcuni protocolli. Il rapporto avrebbe dovuto essere discusso fra il 9 e il 12 marzo.

Il suo abbandono, che ormai appare definitivo, è un'importante vittoria per i difensori delle libertà digitali, ottenuta prima ancora di cominciare effettivamente la Seconda Lettura del Telecoms Package.

Pubblichiamo e traduciamo volentieri la dichiarazione di Jérémie Zimmmermann, co-fondatore de La Quadrature du Net, il cui ruolo nella coalizione, a cui appartiene anche ScambioEtico, è stato molto importante ai fini del rifiuto del rapporto Medina. Condividiamo pienamente le sue parole e ci auguriamo che possano essere di ulteriore stimolo all'impegno civile anche per tutti i cittadini italiani.

"Questo testo rimarrà per lungo tempo il perfetto esempio della completa assurdità di come le industrie dell'intrattenimento vogliano usare il copyright per combattere le tecnologie digitali e i relativi clienti. Il suo rifiuto dà grande speranza per un futuro costruttivo dove il copyright sarà invece usato per aiutare gli autori che potranno beneficiare dell'incredibile potenziale che un'Internet libera offre sia ad essi sia alla cultura.

Centinaia di e-mail e telefonate da cittadini preoccupati hanno raggiunto il parlamento. Il risultato prova che i cittadini informati possono davvero diventare più forti di un piccolo gruppo di pressione dell'industria oscurantista. Dobbiamo consolidare questa vittoria per garantire, attraverso la Seconda Lettura del Pacchetto Telecom, che Internet rimanga il più fantastico avanzamento della nostra società dai tempi dell'invenzione della stampa.

Insieme siamo forti, e domani saremo ancora più forti. Le industrie che hanno sostenuto questo testo e che avrebbero voluto fosse votato nell'oscurità devono accettare il cambiamento, e smetterla di provare a danneggiare la nostra libertà per proteggere i loro obsoleti modelli di mercato".

Jérémie Zimmermann, La Quadrature du Net
Tornare in alto Andare in basso
lillo64
Admin
Admin
avatar

Numero di messaggi : 1731
Data d'iscrizione : 13.03.08

MessaggioTitolo: Re: INTERNET ADDIO? P2P ADDIO? WEB ADDIO?   Mer Mar 04, 2009 9:30 am

Gira e rigira, ciclicamente ci riprovano sempre.... E' vergognoso che ci si inchini a questi gruppi che in passato ed ancora oggi straguadagnano sui diritti d autore, sulla vendita di cd vergini; sui supporti digitali (vedasi chiavette usb ecc...).
L unica nostra speranza, mi riferisco a noi utenti del web, è veramente quella di unirci ed insieme costringere chi ci governa a riconsiderare quanto sia illiberale ed ingiusta questa schifezza di legge.
Tornare in alto Andare in basso
Supermao
Admin
Admin
avatar

Numero di messaggi : 1935
Data d'iscrizione : 14.03.08
Località : Baulandia

MessaggioTitolo: Re: INTERNET ADDIO? P2P ADDIO? WEB ADDIO?   Mer Mar 04, 2009 10:49 am

Ma ragazzi perche vi lamentate non sapete che qua da noi in Cina non abbiamo molta liberta di pensiero !!! mi meraviglio di voi che ancora non vi siete rassegnati banana banana

_________________
Vuoi conoscere un Isola Magica, dove l' azzurro del cielo si confonde con quello del Mare, dove i profumi e i colori ti confondono, dove anche una piccola pietra racconta una storia......Vieni nel mio Blog capirai di cosa parlo....
Tornare in alto Andare in basso
fraiulio
Moderatore
Moderatore
avatar

Numero di messaggi : 1916
Data d'iscrizione : 19.03.08
Località : italia

MessaggioTitolo: Re: INTERNET ADDIO? P2P ADDIO? WEB ADDIO?   Mer Mar 04, 2009 10:46 pm

vero mao
Tornare in alto Andare in basso
http://galacticshare.pureforum.net
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: INTERNET ADDIO? P2P ADDIO? WEB ADDIO?   

Tornare in alto Andare in basso
 
INTERNET ADDIO? P2P ADDIO? WEB ADDIO?
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Addio al ciuccio
» Addio Charlotte!
» Puntata 19 settembre - L'addio fra Alessia e Adriano
» Belen: addio TV!
» ADDIO O ARRIVEDERCI............

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
 :: Spazio Libero parla di quello che vuoi NO SPAM :: .-
Andare verso: